Il binomio “Impresa e Musica” colpisce ancora

0
83
Vincente la collaborazione tra l’imprenditore Antonio Muffo e il musicista Piero Delle Monache

Di Federica Fusco

Il binomio “Impresa e Musica” – con protagonisti Piero Delle Monache Antonio Muffo – incassa un altro bel colpo: pienone nell’auditorium della Scuola Civica di Sambuceto che,  domenica 17 novembre, è tornato ad accogliere uno dei suoi primi insegnanti. L’occasione è stata l’inaugurazione del San Giò Jazz Festival – I Edizione.


Un concerto coi fiocchi che arriva dopo altre interessanti iniziative, organizzate con la stessa formula, sul territorio come all’estero. Basti ricordare la produzione del singolo “Beatville” (di Piero Delle Monache e Federico Ferrandina), composto per il recente tour in Gabon di Delle Monanche con l’Ambasciata d’Italia, o la rassegna Timeout svoltasi tra L’Aquila e Pescara.
Il tutto sempre in collaborazione con la Anthis di Antonio Muffo, imprenditore abruzzese operativo in tutto il mondo nel settore dei Controlli non distruttivi e dell’Oil&Gas.

Grande successo, dunque, merito del talento degli artisti (del leader e della sua band), degli organizzatori e di chi sostiene la musica convinto che in un mondo senza cultura non possa esserci neanche impresa. Quella di un certo tipo. La serata si è aperta con i saluti istituzionali del primo cittadino Luciano Marinucci e dell’assessore alla cultura Simona Cinosi, di Cristian Caprarese della direzione artistica e dei rappresentanti della Scuola Civica stessa.

Foto di Alessandro Caporale
 “Sono onorato di essere tornato ad esibirmi col mio gruppo nazionale su questo palco – dichiara l’apprezzato sassofonista -, in una scuola dove ho mosso i miei primi passi da insegnante, circa dieci anni fa. E sempre in collaborazione con la Civica, allora diretta dal M^ Mazzoccante, con il Comune e con la Markbass, organizzammo FBJazz, un grande festival internazionale, era il 2010. Invitammo star come Frank Gambale e Alain Caron, Ellade Bandini e Massimo Moriconi (batterista e bassista di Mina) e Marco Tamburini, caro amico e collega, trombettista di Bologna, scomparso troppo presto”.
Ma l’entusiasmo che si respirava ieri è stato lo stesso, anche se sono cambiate tante cose. Il pubblico ha apprezzato la musica, chiedendo il bis, “Ascolta se piove”. Il gruppo, affiatato, ha suonato tutti brani originali del leader, tranne uno, “Killer Joe” di Benny Golson. Tra le varie composizioni, merita di essere ricordata “ABC” che il noto sassofonista ha composto tra una lezione e l’altra, proprio tra quelle mura.
A condividere il successo di Delle Monache, tre eccezionali musicisti: Alessandro Bravo al pianoforte (da Terni), Tito Mangialajo Rantzer al contrabbasso (da Milano) e il giovane abruzzese Michele Santoleri alla batteria (valido sostituto di Alessandro Marzi che è restato bloccato nella capitale causa influenza). Avanti così dunque e al prossimo appuntamento, sempre nel segno del binomio “Impresa e Musica”.

LEAVE A REPLY