Nasce il D’Annunzio Club

0
203

ll primo club degli imprenditori d’Abruzzo è stato inaugurato a febbraio dal presidente del Coni, Giovanni Malagò, alla presenza di 150 manager del territorio. Un punto di incontro e di confronto per la business community regionale

Da un’iniziativa di un gruppo di imprenditori appartenenti a diversi settori e rappresentativi delle quattro province abruzzesi, è nata l’associazione D’Annunzio Club. La serata-evento inaugurale si è tenuta a febbraio presso il Villa Maria Hotel di Francavilla (CH), e ha registrato l’adesione al Club dei più noti manager e imprenditori abruzzesi. Ad aprire l’evento, un ospite di rilevanza nazionale, il presidente del Coni, Giovanni Malagò, che ha commentato così l’iniziativa: «Una bella idea quella del presidente del Club, Michele Russo, un modo per gli imprenditori di confrontarsi e fare rete; qualcosa in cui personalmente credo da sempre, e lo dimostra l’attività che svolgo nell’ambito del Circolo Canottieri Aniene di Roma». È intervenuto per un saluto anche l’assessore alle Attività produttive della Regione Abruzzo, Mauro Febbo, per il quale «il Club è paradigmatico della vivacità imprenditoriale del nostro territorio».

Presidente del D’Annunzio Club, come anticipato, è l’imprenditore del settore della comunicazione Michele Russo (Mirus), che ha fondato l’associazione insieme a Marco Sciarra (Sciarra Costruzioni) per la provincia di Pescara; Adolfo Cicchetti (costruttore e presidente Ance L’Aquila) e Francesco Gravina (Gruppo Gravina) per la provincia dell’Aquila; Antonella Pompilii (Penta Gruppo) ed Ernesto Cascioli (concessionarie Sirio) per la provincia di Teramo; Manuel Pantalone (Umbra Medical Italy) ed Enrica Chiacchiaretta (Gruppo La Panoramica) per la provincia di Chieti. Il ruolo di segretario generale è ricoperto dall’avvocato Francesco Anglani (partner dello Studio BonelliErede) e quello di tesoriere da Luca Del Federico (commercialista e consulente aziendale).

«La finalità del Club – spiega il presidente Michele Russo – è quella di promuovere periodicamente occasioni di incontro per favorire relazioni fra imprenditori e manager del territorio, proponendo iniziative di stimolo per gli stessi, attraverso
il coinvolgimento di ospiti di livello nazionale rappresentanti del mondo delle istituzioni, della finanza, dell’impresa, dell’editoria, della politica». Gli oltre 100 soci del D’Annunzio Club, che potranno aumentare in occasione dei prossimi appuntamenti, sono espressione del mondo economico e della grande e piccola impresa abruzzese. La vita principale dell’associazione si svolgerà attraverso l’organizzazione di cenacoli, incontri di carattere conviviale e divulgativo, che verranno organizzati periodicamente non soltanto in Abruzzo, ma anche in città come Roma o Milano, dove molti dei soci del Club operano abitualmente, e vedranno, come per la serata inaugurale, un ospite d’eccezione.

L’obiettivo degli appuntamenti sarà quello di creare un punto di incontro e di confronto per la business community regionale. «Il Club – precisa Michele Russo – non si propone come alternativa alle altre associazioni di categoria, come ad esempio Confindustria, innanzitutto perché non associa imprese ma persone, e poi perché non offre servizi di formazione, di rappresentanza istituzionale e di tutela degli interessi delle aziende industriali nei confronti dei sindacati e dei lavoratori». «L’associazione – conclude il presidente Russo – omaggia nella sua denominazione Gabriele d’Annunzio per l’importanza che questo grande personaggio poliedrico riveste in primis per l’intero territorio: poeta e scrittore, ma ancor prima soldato, politico e addirittura testimonial pubblicitario e copywriter. Un uomo creativo, coraggioso e libero, tutto ciò che un imprenditore dovrebbe essere». Non a caso, il sito web della neonata associazione (www.dannunzioclub.it) cita il Vate nel suo celebre motto: «Ricordati di osare sempre, anche con i venti contrari».

LEAVE A REPLY