Chi va piano, va sano e va lontano

0
372

Il business dei fratelli Basciano, dall’allevamento elicicolo all’aperto a ciclo biologico completo ai prodotti cosmetici a base di… bava di lumaca

 

Andrea e Paolo Basciano, 33 e 31 anni. Professione: allevatori di lumache. Laureati rispettivamente in Geologia e Acquacoltura e igiene delle produzioni ittiche, come racconta il primogenito, hanno deciso di intraprendere questo percorso nel 2014: «Facevamo tutt’altro, mio fratello era in Australia alle prese con un’esperienza formativa in un’azienda di gamberi, mentre io, in Abruzzo, ricoprivo il ruolo di rappresentante in ambito medico. Il nostro sogno è sempre stato quello di possedere un’attività nel settore agricolo, strettamente legata alla nostra terra, alla quale siamo fortemente legati. Tra le tante cose che abbiamo valutato prima di cambiare mestiere, sicuramente quella di vivere appieno i ritmi della natura».

Così, informandosi, leggendo e valutando varie tipologie di business, i due si sono imbattuti nell’elicicoltura, «un settore da esplorare, remunerativo e in forte crescita – spiega Paolo -, basti pensare all’andamento positivo dei consumi elicicoli in Italia e al fatto che più del 70% di lumache viene importato». Nel compiere il grande passo, dunque, i Basciano non hanno sottovalutato il fatto che negli ultimi anni, nel Belpaese, si assiste ad una vera e propria rivoluzione nel mercato della lumaca. Se fino a poco tempo fa era considerata un bene alimentare da consumare in particolari occasioni, recentemente, l’escargot è una prelibatezza moderna, soprattutto grazie alla sua (ri)scoperta. «Le lumache, piatto tipico ai tempi dei nostri nonni, hanno poi saltato una generazione – specifica Andrea -. Finalmente, questo alimento è stato rivalutato e questo perché il consumatore ha sempre più consapevolezza delle qualità di questo prodotto. Va detto, però, che in natura, di lumache se ne trovano sempre meno a causa dell’inquinamento, per questo è importante rivolgersi ad allevamenti sicuri». Buone da mangiare, le carni della lumaca Helix sono povere di grassi saturi e ricche di acqua, proteine e sali minerali.

Lumaca Italia nasce con un investimento di 30mila euro ed oggi, i fratelli Basciano sono specializzati nella produzione e vendita di lumache da gastronomia, in particolare della specie Helix Aspersa Muller con il metodo del ciclo biologico completo che permette di allevare le chiocciole all’aperto con un’alimentazione totalmente naturale, senza uso di mangimi, priva di pesticidi ed additivi chimici con ottimi risultati in termini di gusto e corposità delle carni.

«Facciamo tutto da soli, lavoriamo nella nostra azienda con passione dedizione ed interesse scientifico – aggiunge Paolo – per offrire un prodotto con un’alta qualità organolettica in grado di esaudire le esigenze dei palati più raffinati». Lumaca Italia si estende su una superficie di oltre 4mila metri quadrati e l’area di allevamento individuata segue criteri rigidissimi di qualità (la presenza di calcio è fondamentale per lo sviluppo del guscio delle lumache) e verginità dei terreni tenendo presente l’assenza di inquinanti. Grazie alle competenze geologiche di Andrea, la scelta è ricaduta su Città Sant’Angelo (PE): «Abbiamo optato per un terreno incolto da più di vent’anni, all’interno di una fattoria didattica, per offrire il massimo dai nostri prodotti».

Per saperne di più, la versione integrale dell’articolo è sul nuovo numero del bimestrale Abruzzo Economia, in tutte le edicole abruzzesi dal 21 settembre.

LEAVE A REPLY