Il futuro del valore

0
306
L'imprenditore pescarese Pasquale Sorgentone

Consulenza direzionale, digital transformation, blockchain, finanza decentralizzata e tecnologie per la longevità umana. Le attività imprenditoriali di Pasquale Sorgentone, che aiuta le aziende a evolvere con l’innovazione

Visione, creatività, umanesimo, entusiasmo, tecnologia e imprenditorialità. Sono solo alcune delle caratteristiche di Pasquale Sorgentone, abruzzese Doc, legatissimo alla sua Pescara, classe 1974. Con un segnaposto di riferimento, come se ci muovessimo su Google Maps, cominciamo a tracciare il percorso che intreccia vita e professione. Ci troviamo lungo Viale Bovio, sede del Liceo Classico Ravasco, diploma nel 1993. Prima, la materia preferita alle medie, la matematica, alla quale si è aggiunta appunto la scelta di cimentarsi con latino e greco. Tanto da fare proprio il κτῆμα ἐς αἰεί, concetto del “possesso perenne” come lo storico greco Tucidide definiva la cultura, con la fondamentale necessità di conoscere il passato per comprendere il presente e, soprattutto, il futuro. Un pensiero che traslato in ambito business vuol dire conoscere alla perfezione gli ambiti nei quali ci si è mossi, per creare, oggi, aziende innovative, con un approccio concreto e visionario allo stesso tempo. «Crescendo ho imparato ad apprezzare meglio anche la filosofia – spiega Pasquale Sorgentone -. L’amore per la matematica è tornato all’università, con ingegneria elettronica, specializzazione in microelettronica, per poi fare una tesi sperimentale alla STMicroelectronics (leader mondiale nella produzione di semiconduttori) sugli effetti quantistici dell’elettrone nell’ossido di silicio. Bellissima esperienza, ma il lavoro solitario in laboratorio non faceva per me».

Un background di elementi che riflettono un profilo multidisciplinare, eclettico, caratteristica che si ritrova nelle aziende che Pasquale Sorgentone ha creato nel tempo. Quindi il militare dopo la laurea e il primo lavoro in Andersen Consulting, oggi Accenture. E cominciano a delinearsi le esperienze che oggi fanno del giovane imprenditore – dopo una carriera in aziende globali di consulenza e società fintech – il protagonista di attività nell’ambito della consulenza direzionale, digital transformation e longevità umana. Dedito anche ad attività di ricerca in ambito blockchain e cryptoasset, di cui ne analizza gli scenari evolutivi e gli impatti sul mondo dell’economia e della finanza. Con una transizione non semplice da manager di aziende multinazionali a imprenditore, sempre attraverso l’approccio multidisciplinare e la conoscenza degli ambienti internazionali maturata grazie alle esperienze lavorative in giro per il mondo in società come appunto STMicroelectronics, Accenture – della quale è diventato dirigente a 30 anni -, Capgemini e Finastra. Per questa, prima Fintech software al mondo, ha ricoperto il ruolo di global account manager.

Per Sorgentone il business deve evolversi, modernizzarsi, cambiare, ed ecco che nasce Business changers (www.business- changers.it), società di sua creazione che lavora su tutta Italia, con sedi principali a Roma e Milano – una settantina di dipendenti – con piani di espansione in Europa e nel sud-est asiatico. «In questa attività ho fatto confluire due anime, quella della consulenza e della fintech, unendo quindi i due percorsi professionali seguiti nelle multinazionali. La nostra headline è Continuous Innovation, grazie all’innovazione trasformiamo il business con la tecnologia, ma anche con la revisione dei processi aziendali e dell’organizzazione del lavoro. I nostri clienti vanno dalla pubblica amministrazione alle banche passando per l’industria. Le aziende oggi si devono evolvere ripensando completamente il business model in ottica digitale, diventando software-driven company. Le nuove tecnologie permettono di ottimizzare i processi e massimizzare il valore verso i clienti». L’azienda si organizza in tre linee di business: Business & IT Consulting (consulenza manageriale e ICT), System Integration (sviluppo soluzioni software) e Technology Operations (gestione soluzioni tecnologiche complesse), ognuna organizzata in Community. Business changers sposa il concetto di organizzazione esponenziale, che tra l’altro prevede l’abolizione della gerarchia manageriale: «Ognuno partecipa all’ideazione e alla realizzazione dei progetti – aggiunge Pasquale Sorgentone -. Alla base della nostra organizzazione ci sono motivazione, obiettivi e rispetto delle singole attitudini e ambizioni». «Abbiamo anche un centro di sviluppo software di ultima generazione, chiamato Creative Center. Lavora su Java e Python, una tecnologia su cui stiamo investendo molto per il futuro». Prima della pandemia era in programma la creazione di un centro di sviluppo software in territorio abruzzese, progetto al momento in stand-by.

Una seconda azienda creata da Sorgentone è “Future’s values” (www. futuresvalue.com), ovvero “il valore del futuro e il futuro del valore”. L’azienda si concentra sulla realizzazione di soluzioni basate su blockchain e cryptoasset e studia l’emergente mondo della finanza decentralizzata. «Abbiamo realizzato un software (Global Payment System) che permette di effettuare pagamenti da moneta tradizionale a cryptoasset, da cryptoasset a cryptoasset e da cryptoasset a moneta tradizionale. Può essere usato da qualsiasi esercizio commerciale presso il punto vendita o a livello di e-commerce. È configurabile e attivabile in pochi minuti».

Impeto creativo che trova espressione anche in un’altra società, la Youth Technologies, concentrata sulle tecnologie per la longevità umana, di cui vi parleremo nei dettagli nel prossimo numero di Abruzzo Economia.

L’articolo integrale su AE#21

LEAVE A REPLY