Civitella del Tronto, un’estate in Fortezza

0
1957

Un calendario ricco di eventi tra arte, musica e “passeggiate wild” per il monumento a pagamento più visitato d’Abruzzo

Tra i Borghi più belli d’Italia, Civitella del Tronto unisce storia, cultura e natura affascinando turisti italiani e stranieri. Posizionata su uno sperone roccioso, con i suoi antichi monumenti, la celebre Fortezza, l’Abbazia di Santa Maria in Montesanto, il Santuario di Santa Maria dei Lumi e le Gole del Salinello, la cittadina è uno dei luoghi più interessanti  d’Abruzzo. La maestosa roccaforte spagnola del XVI secolo è la seconda fortezza più grande d’Europa, nonché il monumento a pagamento più visitato della regione, registrando, nel 2016, 50.000 presenze. Se all’inizio di quest’anno, i visitatori sembravano latitare a causa del terremoto di ottobre e dell’eccezionale ondata di maltempo che ha causato danni a tutto il comprensorio civitellese, l’antico baluardo, oggi, è più forte di prima.

Con il mese di luglio, Civitella del Tronto apre la stagione estiva: un calendario ricco di eventi tra arte, musica e “passeggiate wild” nella suggestiva cornice della Fortezza. Si comincia con la mostra in corso dal titolo “Tra natura e figura, le emozioni cromatiche di Emidio Mozzoni”, a cura di Massimo Pasqualone, fino al 30 di luglio. Venerdì 7, invece, sarà la volta dello stellato Massimo Bottura, che ha accettato di venire in Abruzzo sensibilizzato dallo chef di Civitella Daniele Zunica, per contribuire al rilancio dell’immagine del luogo, dopo le recenti calamità. In occasione della cena, verranno raccolti dall’Associazione Agave Onlus i fondi a sostegno delle attività per i disabili. Un evento unico dove l’ars culinaria dello chef, per la prima volta dalle nostre parti, incontrerà la Baronessa Lucrezia De Domizio Durini, mecenate e promotrice di importanti artisti. I due sono legati dalla comune passione per l’opera Joseph Beuys.

Giovanni Granati accende i riflettori sulla Fortezza e sull’Abruzzo

La Fortezza ospiterà, come sempre, le “passeggiate wild” del falconiere Giovanni Granati che condurrà i visitatori alla scoperta del monumento con i suoi affascinanti animali: i lupi Cecoslovacchi, le aquile, le poiane, i falconi, i gufi e i furetti, sapientemente educati a lavorare in gruppo nel rispetto delle peculiari esigenze etologiche e fisiologiche proprie di ciascuna specie. Seguirà lo speciale appuntamento in notturna previsto per il 12 agosto, dove sarà possibile assistere ad un “wild concert”. Giovanni Granati, in arte Falcong, è anche un artista poliedrico che unisce alle note del pianoforte e dell’arpa la sua passione per la natura. Già noto al livello nazionale con uno spazio tutto suo all’interno della rubrica L’Arca di Noè su Canale 5, Granati accende i riflettori internazionali sull’Abruzzo con un film documentario che lo vede protagonista insieme al figlio Angelo, giovanissimo apprendista falconiere. Si tratta di “Overland”, una produzione cinematografica americana che riscopre l’arte della falconeria tra gli incantevoli luoghi della regione abruzzese. «Le riprese si sono concluse da poco e la pellicola verrà distribuita in Italia l’anno prossimo – spiega Falcong -. Nel film saranno visibili i luoghi ricchi di storia dell’Abruzzo come la Fortezza di Civitella del Tronto passando per le colline teramane, per poi finire sulla splendida costa adriatica, con tappa anche a Giulianova. Come sempre nel mio lavoro, ho cercato di esaltare al meglio il nostro territorio, punta di diamante d’Italia, con una diversificazione di ambienti unica al mondo».

 

LEAVE A REPLY