Opportunità dall’UE

0
265

ERASMUS PER GIOVANI IMPRENDITORI

A cura di Civica

Scade il 30 agosto l’invito a presentare proposte per un progetto pilota di estensione geografica del programma “Erasmus per giovani imprenditori” (EYE), allo scopo di accrescere ulteriormente lo scambio di esperienze imprenditoriali extra-europee. Il presente invito è stato pubblicato nell’ambito del programma COSME ed è aperto alla partecipazione di enti pubblici, camere di commercio, centri di start up, associazioni di imprese e reti di sostegno alle imprese, con sede in un Paese membro dell’UE. La Commissione selezionerà un’organizzazione o un consorzio sulla base di un progetto di reclutamento di imprenditori ospiti negli Stati Uniti, Israele, Singapore, Taiwan e Corea del Sud per uno scambio di 1-3 mesi per almeno 120 imprenditori europei. La durata massima dei progetti è di 24 mesi. La dotazione finanziaria per il presente invito a presentare proposte è di 750.000,00 euro. Il contributo comunitario sarà concesso ad una organizzazione o consorzio e potrà coprire fino al 90% dei costi ammissibili.

ORGANICITY

Co-creating Smart Cities of the Future, progetto europeo finanziato da Horizon 2020, pubblica una call per condurre esperimenti su piccola scala che utilizzeranno e svilupperanno ulteriormente strumenti e piattaforme digitali per lo sviluppo urbano. Il finanziamento massimo per singolo esperimento è pari a 60.000 euro, mentre il budget totale a disposizione è pari a 1.000.000 di euro. I potenziali candidati, ovvero gruppi costituiti da organizzazioni di cittadini, PMI, ricercatori, studenti universitari, RTO e fornitori di tecnologie, sono invitati a presentare le loro proposte entro il 31 agosto 2017.

CONTRATTI DI SVILUPPO

Al via il Piano Imprese e Competitività FSC 2014-2020 che destina, tra gli altri, 916,5 milioni di euro ai Contratti di Sviluppo che sostengono gli investimenti di grandi dimensioni nel settore industriale, turistico e di tutela ambientale. L’investimento complessivo minimo richiesto è di 20 milioni di euro. Solo per attività di trasformazione e commercializzazione di prodotti agricoli si riduce a 7,5 milioni di euro. Il Contratto di Sviluppo prevede le seguenti agevolazioni finanziarie: contributo a fondo perduto in conto impianti; contributo a fondo perduto alla spesa; finanziamento agevolato; contributo in conto interessi. L’entità degli incentivi dipende dalla tipologia di progetto (di investimento o di ricerca, di sviluppo e innovazione), dalla localizzazione dell’iniziativa e dalla dimensione di impresa. Al contratto possono partecipare imprese italiane ed estere con i seguenti ruoli: proponente (promotore e interlocutore formale), imprese aderenti che partecipano agli investimenti, altri soggetti partecipanti ai progetti di ricerca e innovazione. Anche i contratti di rete possono realizzare un contratto di sviluppo. Invitalia è identificato come soggetto gestore: riceve le domande, valuta i progetti, concede ed eroga le agevolazioni.

RESTO AL SUD

In vigore dal 21 giugno “Resto al Sud”, la nuova misura prevista nel “decreto Sud” a sostegno della nascita e della crescita di nuove imprese promosse dai giovani tra i 18 e i 35 anni di età. Sono agevolati i progetti relativi alla produzione di beni nei settori dell’agricoltura, dell’artigianato o dell’industria, ovvero relativi alla fornitura di servizi a favore delle imprese appartenenti a qualsiasi settore. Le agevolazioni, gestite da Invitalia, sono concesse fino ad un massimo di 40.000 euro per ciascun richiedente. L’intervento finanziario per il 35% è a fondo perduto e per il restante 65% dovrà essere rimborsato in 8 anni a tasso zero. Presentazione delle domande a sportello fino ad esaurimento della dotazione finanziaria (1, 3 miliardi di euro) con esito della valutazione entro 60 giorni dalla presentazione.

 

LEAVE A REPLY